Investire in argento: guida 2019

L’oro è il metallo prezioso più amato dagli investitori, la materia fondamentale di scambio internazionale.

RICHIEDI IL TUO PRESTITO

È possibile, però, diversificare il portafoglio e indirizzare gli investitori su un altro interessante metallo, l’argento.

Investire sull’argento: fattori che incidono sulla quotazione

L’argento è, insieme all’oro, al rame e al platino, un bene prezioso, che ha una quotazione differente dagli altri preziosi.

Questo metallo è contemplato tra le materie prime su cui investire maggiormente per via delle sue dinamiche di domanda ed offerta.

Il valore dell’argento dipende dalla domanda e dall’offerta. Se, ad esempio, i lavoratori di una miniera scioperassero, il prezzo dell’argento, a seconda della durata dell’astensione al lavoro, aumenterebbe vertiginosamente.

Anche l’innovazione produttiva e tecnologica esercita una pressione al rialzo sul prezzo dell’argento e, di conseguenza, aumenteranno gli acquisti.

Un incremento vertiginoso della domanda, con relativo aumento dei prezzi potrebbe verificarsi nel caso di utilizzo dell’argento in nuovi settori.

L’argento, infatti, viene utilizzato in diversi comparti industriali e in molteplici settori come, ad esempio, la fotografia, i catalizzatori, pannelli fotovoltaici, l’ingegneria elettronica, tecnologia medica, schermi al plasma, e tanto altro.

Investire in argento: è sicuro?

Al pari dell’oro e del platino, l’argento è un investimento sicuro poichè mantiene sia il suo potere d’acquisto che la sua quotazione. Le politiche dei policy maker e le decisioni del governo hanno un notevole impatto sui mercati di questo metallo. L’argento, infatti, è molto utilizzato per produrre le monete e la Zecca di Stato ne fa grande utilizzo.

Investire in argento fisico

L’andamento dell’oro e quello dell’argento viaggiano in parallelo, al crescere o calare dell’uno, lo seguirà l’altro. L’argento fisico è identificabile mediante dei numeri: 800, 900 e 925. Il 925 è puro, gli altri presentano una percentuale mista al rame.

L’argento 800 e 900 viene solitamente adoperato per la produzione di oggetti voluminosi, mentre il 925 viene utilizzato per gli oggetti di dimensioni minori, come ad esempio le bomboniere, collane, bracciali e anelli.

Per verificare la purezza di un oggetto d’argento, basterà metterlo a contatto con il ghiaccio e vedere se si scioglie.

Investire in argento: come fare?

È possibile investire sull’argento finanziario grazie alla piattaforma di eToro, regolamentata dalla Consob.

Per acquistare l’argento fisico si può utilizzare la piattaforma Ebay, sulla quale sarà possibile acquistare la materia prima grazie al pagamento sicuro con PayPal.

In alternativa è possibile utilizzare il sito BullionVault che permette di creare un collegamento diretto tra acquirenti e venditori di tutto il mondo.

L’apertura del conto è molto semplice, basterà registrare il proprio account sul sito dedicato, depositare una somma di denaro sul conto e acquistare il metallo prezioso scelto.

Infine, basterà caricare il proprio documento d’identità in corso di validità ed un estratto conto al fine di completare la procedura e convalidare del conto. L’apertura del conto non comporta alcun costo.