Cosa inserire come causale in un bonifico regalo?

Cosa inserire come causale in un bonifico regalo? Fare un regalo non sempre è così semplice, si finisce molto spesso per fare il solito regalo comprato all’”ultimo minuto”. Per questo regalare un bonifico può essere un’idea apprezzata, ma attenti al Fisco!

RICHIEDI IL TUO PRESTITO

Bonifico regalo: cosa inserire come causale?

Ma se invece si regalasse un bonifico? Questa idea è quella meno usata da chi vuole fare un regalo, perché molti trovano difficile cosa inserire nella causale del bonifico.

In effetti, non è così semplice, la causale deve essere obbligatoriamente compilata, in modo corretto e non sospetto. Il bonifico bancario è una forma di pagamento molto utilizzata: essa consiste nel trasferire soldi da un conto ad un altro senza pagare commissioni molto elevate.

Il bonifico può essere compilato in banca oppure eseguito online per chi possiede un conto bancario online. Per essere valido deve indicare una motivazione, cioè la causale: il Fisco deve sapere per quale motivo stiamo trasferendo denaro da un conto ad un altro soggetto.

Possiamo dire che un bonifico senza una causale valida non può essere accettata in modo corretto. Se decidiamo di fare un regalo di questo tipo, è importante decidere quale tipo di trasferimento di denaro eseguire, se per donazione, se un prestito o semplicemente un regalo tra parenti.

Su un bonifico regalo possiamo indicare la dicitura “regalo di compleanno, di matrimonio o per l’acquisto di un’auto“: si tratta di una frase corretta e comune da inserire nella motivazione.

È importante inserire anche il rapporto di parentela tra i due soggetti. Un’altra precisazione da fare riguarda il non inserire mai frasi di gratitudine o simili, come ad esempio, “ringraziamento per o con gratitudine“, in questo modo si potrebbero dare dei sospetti riguardo il bonifico.

Infatti, si potrebbe pensare che il bonifico sia eseguito anche tra datore di lavoro e dipendente.

Per far sì che tutto vada a buon fine, è necessario seguire attentamente questi piccoli accorgimenti, in modo tale da evitare inutili domande o controlli da parte di un istituto bancario o del Fisco.